Musei Il Correggio

Antonio Allegri detto il Correggio (1489-1534) - La PietÓ

La Pietà (ca. 1512)

Opera giovanile del Correggio, presenta un soggetto unico nel corpus tipologico del pittore (Cristo morto posato sulle ginocchia di Maria seduta presso il Sepolcro).
Se ne conoscono almeno otto copie antiche (Carracci,Lotto, Amidano).

Acquistata sul mercato antiquario nel 2002 per il Museo Civico della città di Correggio, questa piccola tavola era già stata riconosciuta ad Antonio Allegri nel lontano 1916 quando si trovava presso il pittore viennese Karl Moll. Sulla sua autografia gli studiosi hanno espresso pareri diversi ma mai completamente negativi. Si va infatti dalla piena accettazione dell’opera come originale del Correggio (David Alan Brown) all’avanzamento di qualche cautela (David Ekserdjian).
Vale ciò che si è detto per la bella tela rappresentante Davide davanti all’arca dell’alleanza recentemente ritrovata in una collezione privata torinese, e cioè che sarà necessario attendere ancora qualche anno prima che gli studi specialistici possano pronunciarsi con unanimità al riguardo.
Certo è che, fra le tante versioni antiche che si conoscono di questo soggetto, come quella conservata a Londra o quella conservata a New York, questa appare la meglio riuscita e la sola su cui si possa condurre un discorso relativo all’invenzione del Correggio.
Il dipinto ha le tipiche dimensioni ridotte delle opere destinate alla devozione privata che interessarono soprattutto la produzione giovanile del Correggio.
Il soggetto non è molto comune nella pittura italiana del Quattrocento e del primo Cinquecento, un esempio cronologicamente e geograficamente vicino al Correggio è rappresentato da una piccola tavola di Cosmè Tura .
Altri esempi si trovano nell’opera di Giovanni Bellini  e di Ercole de Roberti , quindi a Venezia e Ferrara, due centri artistici particolarmente permeabili alle suggestioni provenienti dall’arte d’oltralpe.
Rispetto a questi precedenti, il Correggio ha insistito sul rapporto affettivo fra la Madre e il Figlio, incorniciati da un cupo sfondo scuro che accentua la drammaticità del soggetto. A destra la scena si apre su un paesaggio lontano, con un artificio non dissimile da quello impiegato nell’Orazione nell’orto di Apsley House. Alcuni dettagli come il riuscito scorcio della mano sinistra del Cristo preannunciano già la maestria con cui l’artista saprà gestire, più tardi, un soggetto affine a questo quale il Compianto  [Maddalena Spagnolo].

Virtual Tour


CATALOGO OPERE
ibc patrimonio culturale
In collaborazione con Spal