Musei Il Correggio

Cristo deposto

Legno intagliato e policromatico

 

Lungh. cm. 115


Provenienza: chiesa di S. Francesco

Si tratta di un'opera dai caratteri ancora marcatamente gotici, come rivelano la tipologia del volti di Cristo, fortemente allungato, e l'accentuata magrezza del corpo, con le costole poste in rilievo.
La forte stiilizzazione dell'opera, da cui si esprime una certa qual rustica potenza, induce a supporre che l'autore possa esssere uno scultore dell'Italia del Nord operante verso la metà e oltre del XV secolo, fortemente influenza dai modi della scultura in legno austriaca o friulana.
Ben difficilmente in origine la statua doveva presentarsi isolata: è assai probabile che fosse collocata al centro di un gruppo raffigurante un 'Compianto su Cristo morto'.
I mortori in terracotta, che tra la fine del Quattrocento e i primi del Cinquecento costituiranno la manifestazione più importante cdella plaastica emiliana, trovano dei precedenti sia nella scultura in pietra (Verona, chiesa di S. Fermo metà del XV secolo), che in legno (Bologna, chiesa di S. Maria delle Grazie alla Cavalleria, inizio del XV secolo).
La posizione del Cristo di Correggio, disteso orizzontalmente con le mani incrociate sul bacino e i piedi leggermente divaricati, come nella maggior parte dei 'Compianti' padani, induce a ritenere che la statua sia l'unica superstite di un'insieme di sette - otto sculture in legno raffiguranti i dolenti (la Madonna, le Pie Donne, Giovanni Evangelista, Giuseppe d'Arimatea, Nicodemo) in atto di lamentarsi intorno al corpo del Salvatore.

 
Virtual Tour


CATALOGO OPERE
ibc patrimonio culturale
In collaborazione con Spal