Musei Il Correggio

Due scultori: Pompeo Marchesi e Vincenzo Vela

Un imponente Correggio

Questo imponente busto del Correggi0 (è alto ben 79 cm.), in marmo, fu a Correggio fino al 1928, per essere poi riacquistato in tempi recenti. Enrico Bertolini affermò di avere visto posteriormente la firma del carrarese Pietro Bienaimè, tuttavia non più rintracciabile. Oggi viene attribuito a Pompeo Marchesi (1789 - 1858), allievo di Canova e scultore neoclassico assai celebrato nella prima metà del XIX secolo che ha reso con tecnica assai abile le sembianze del Correggio idealizzate dalla tradizione romantica.





Vincenzo Vela (1820 - 1891) è stato uno dei massimi scultori della seconda metà dell'Ottocento. A Correggio si conservano ben cinque sue opere.


Il busto bronzeo di Dante, di elegantissima e pregevole fattura, nel quale possiamo cogliere tutte le caratteristiche di Vela scultore, venne realizzato negli Anni Settanta dell'Ottocento. 
Vela lo donò, come possiamo leggere nell'iscrizione sul piede del basamento, al Municipio di Correggio in segno di gratitudine dopo avere realizzato il Monumento al Correggio in piazza San Quirino, inaugurato il 17 ottobre 1880.

 
Virtual Tour


CATALOGO OPERE
ibc patrimonio culturale
In collaborazione con Spal